Psicologa clinica e psicoterapeuta Gestalt, ricercatrice ed esperta nell’insegnamento della meditazione e di esercizi di consapevolezza

Deficit di attenzione e iperattività: ADHD e Fiori di Bach

Occupandomi da qualche tempo ormai dei genitori di bambini con ADHD, mi sono chiesta se esistessero rimedi naturali nei confronti di questo disturbo.

Ho trovato un sito molto interessante, di un chiropratico di Losanna (CH), e potete visitarlo cliccando qui sotto:

http://unritalinsolution.com/

La mia esperienza sui fiori di Bach mi ha inoltre spinta a creare un composto di fiori adatto a chi soffre di caratteristiche come l’iperattività, la disattenzione e l’aggressività.
Servendomi del sito sopra citato, riporto in italiano i fiori che propone in lingua inglese.

  • Aspen – per nervosismo, ansia paure con origine indefinita
  • Cherry Plum – per pernsieri irrazionali e comportamenti impulsivi associali alla paura della perdita di controllo
  • Chestnut bud – per l’incapacità di apprendere dagli errori passati e dalle esperienze
  • Clematis – mancanza di concentrazione per disattenzione
  • Heather – loquacità eccessiva, solitudine che si evita
  • Impatiens – irritabilità, impazienza
  • Mimulus – timidezza, paura e/o ansia per oggetti o eventi definiti
  • Mustard – cambiamenti d’umore repentini
  • Scleranthus – indecisione
  • Vervain – aggressività dovuta all’impulsività, testardaggine a fare le cose nel proprio modo
  • White chestnut – preoccupazioni persistenti e pensieri che non si desiderano
 
Inoltre, segnalo uno studio pubblicato su PubMed sulla Mindfulness e l’ADHD:
 
 
La Mindfulness è una tecnica utilizzata in alcune terapie (tra cui la psicoterapia della Gestalt), che permette di sviluppare la concentrazione su se stessi attraverso il lavoro sul respiro. Gli esercizi di Mindfulness (che dall’inglese significa “consapevolezza”), aiutano ad aumentare la consapevolezza di noi stessi, anche in una persona affetta da ADHD.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Siamo preparati per accogliere anche pazienti di lingua inglese e spagnola.

Non aspettare oltre. Inizia a forgiare il tuo percorso oggi!

Elena Vlacos - MioDottore.it